Il saluto al calcio giocato di un grande: Enrico Da Ros

La sfida pareggiata dal Fiume Veneto Bannia con il Brian Lignano (che ha portato alla permanenza dei nero-verdi in Eccellenza anche per la prossima stagione 2024/25), è coincisa con l’addio al calcio giocato di Enrico Da Ros (nella foto, alla fine della partita).

Dopo aver dato tutto (e di più) sul rettangolo d’erba e sostituito, a pochi minuti dal termine, da capitan Alberti (altro campione fiumano: forte, simbolico e commovente l’abbraccio tra i due, al momento del cambio), il calciatore, nei minuti conclusivi, ha trepidato con i componenti della panchina, fino al triplice fischio di chiusura e all’ottenimento dell’ultimo obiettivo della carriera in campo.

Aveva iniziato molti anni fa, nei Settori Giovanili a Brugnera, a Treviso e al Milan.

Poi le Prime squadre, tra serie D, C2, Eccellenza, Promozione: Abano, Triestina, Real Vicenza, Città di Concordia, Sacilese, Tamai, Portomansuè, Conegliano, Prata Falchi e FVB.

Una festa doppia, dunque – personale e di gruppo – nel tardo pomeriggio di domenica 12 maggio, con la consegna di un trofeo-ricordo da parte della società fiumana e con i compagni e i tifosi e simpatizzanti che gli si sono stretti attorno, in un unico abbraccio.

“Un viaggio bellissimo…..⚽❤️….Mi fermo qui…!!! GRAZIE A TUTTI…” è stato poi il commento social del protagonista.

GRAZIE A TE, ENRICO !!! 
🖤💚